Blog e Self-publishing: il SPFBO

Blog SPFBOIl Self-Published Fantasy Blog Off (SPFBO) è un concorso letterario aperto ai libri fantasy autopubblicati i cui giudici sono dieci tra i più importanti blog che si occupano di fantasy in lingua inglese.

A patrocinare il SPFBO è Mark Lawrence, un autore pubblicato anche in Italia da Newton-Compton con la trilogia dei fulmini (The Broken Empire).

Al di là della possibile vittoria (il prestigioso trofeo messo in palio è il selfie stick award), il concorso costituisce un’ottima vetrina per gli autori che, per scelta o per necessità, hanno optato per l’autopubblicazione piuttosto che affidarsi ad un editore. I post sul blog di Lawrence relativi al SPFBO del 2017 hanno totalizzato circa 70.000 visualizzazioni, e le recensioni pubblicate sui vari blog hanno superato il centinaio.

I blog che partecipano all’iniziativa sono: Bookworm Blues, Fantasy Faction, Fantasy Book Critic, Lynn’s Book, The Qwillery, The Allitterates, The Weatherwax Report, Fantasy Book Review, Booknest, Kitty G video reviews. Il SPFBO ha anche un gruppo facebook dedicato.

Il SPFBO è giunto alla sua quarta edizione (la prima risale al 2015).

Le regole

Il concorso si svolge in due fasi, ognuna delle quali dura cinque mesi, ed è aperto ad un numero massimo di 3oo opere.

Le regole da seguire per proporre la propria opera sono molto semplici:

  1. selfie stick award
    Il prestigioso trofeo ottenuto dal vincitore del SPFBO 2016

    Non si possono proporre libri che hanno partecipato ad edizioni precedenti del SPFBO;

  2. Il libro deve essere il primo di una serie o autoconclusivo;
  3. Il libro deve essere già stato pubblicato, non sono ammessi libri inediti che si intende pubblicare in seguito;
  4. Il libro deve essere fantasy (Se l’autore lo ritiene appartenente al genere lo è, ma nel caso non lo sia davvero non andrà molto lontano);
  5. Sono ammessi più libri dello stesso autore, stante la regola 2;
  6. Non sono ammesse antologie;
  7. Non sono ammessi racconti.

La prima fase (da agosto a dicembre)

Durante la prima fase ai blog sono assegnati fra i 25 e i 3o libri fra i quali devono scegliere il loro “campione” che parteciperà alla fase finale.

Il blog dovrà poi recensire il titolo scelto e scegliere tre illustrazioni di copertina per un concorso ad esse riservato.

La seconda fase (da gennaio a maggio)

Durante la seconda e ultima fase ogni blog dovrà:

  • Leggere e assegnare un punteggio fra 1 e 10 a ciascuno dei nove finalisti scelti dagli altri blog.
  • Recensire il suo finalista preferito.
  • Recensire il vincitore (che naturalmente sarà il libro che ha ottenuto il punteggio complessivo più alto).

I finalisti del 2018

La seconda fase dell’edizione 2o18 è in pieno svolgimento, i libri selezionati come finalisti sono:

We Ride The Storm verrà presto recensito su Altre Lande.

I vincitori delle edizioni precedenti

Ed ecco i vincitori delle tre edizioni già concluse del SPFBO:

The Thief Who Pulled On Trouble's BraidsAmra Thetys vive seguendo due semplici regole-occupati degli affari e non permettere mai che diventino una cosa personale. I ladri che non le seguono non durano molto a Lucernis. Ma quando un collega e buon amico viene massacrato per strada dopo un colpo andato male, volta le spalle alla sua attività di scassinatrice e si mette alla ricerca di qualcosa di più prezioso dell’oro: la vendetta.

La vendetta, tuttavia, potrebbe essere difficile da trovare. Una schiera di nemici da incubo, inclusi un assassino immortale ed uno stregone pazzo, credono che Amra possieda la Lama che Sussurra Odio-un leggendario e potente artefatto per il quale il suo amico è stato ucciso-e faranno di tutto per sottrarglielo. Il problema è che Amra non ha la più pallida idea di dove si trovi la Lama.

the grey bastardsVivi in sella. 

Muori sul verro.

Chiamateli reietti, chiamateli selvaggi-le loro madri li hanno chiamati con nomi peggiori-ma Jackal è fiero di essere un Grey Bastard.

Insieme ai suoi compagni mezzorchi pattuglia le lande desolate delle terre di Lot, sputando sangue per tenere al sicuro la civiltà. Possono essere marmaglia maleducata e rissosa, che cavalca maiali e protegge puttane, ma i Bastard sono i fratelli giurati di Jackal e combattono al suo fianco in una terra dove non c’è spazio per le pappemolli.

Alla ricerca di risposte da delle segrete cadenti al fronte di una antica faida, Jackal si ritrova a combattere orchi invasori, centauri scatenati e spregevoli complotti umani-insieme ad una serie di incantesimi oscuri così terribili da far vacillare anche il Bastard più valoroso.

Infine, Jackal si dovrà confrontare con una minaccia che incombe da generazioni, mentre si chiede se i Bastad possano-o debbano-sopravvivere.

where loyalties lie Tutti sanno che Drake Morass pensa solo a sé stesso.

Mentre i fuochi di una città morente bruciano su una riva lontana, Drake vede l’opportunità di unire gli altri capitani pirati sotto la sua bandiera e di reclamare per sé una corona.

Se ci riuscirà, avrà bisogno di alleati e di credibilità. L’ideale è il pirata gentiluomo, Keelin Stillwater, rinomato per la sua capacità di conquistare le navi senza spargimenti di sangue e per la sua abilità con la spada.

Navi nemiche solcano le loro acque, mettendo a ferro e fuoco le Isole dei Pirati. Il sinistro Tanner Black minaccia di rubargli il trono ancora prima che Drake lo occupi. Ora Drake deve trovare un  modo di convincere gli altri capitani che i loro interessi coincidono con i suoi.