Premi Splatterpunk 2019, annunciati i vincitori

I vincitori dei premi Splatterpunk 2019 sono stati annunciati durante la Killercon, tenutasi al Wyndham Conference Center di Round Rock, Texas, fra il 16 e il 18 agosto. Il concorso è solo alla sua seconda edizione ed è riservato alle opere splatterpunk/horror estremo pubblicate durante il 2018. I fondatori del premio sono Wrath James White e Brian Keene. Le opere nominate, selezionati da lettori, fan, professionisti e membri della giuria erano state annunciati il 4 febbraio. L’autore italiano Alessandro Manzetti, con la sua raccolta The Garden of Delights era fra i nominati per l’edizione 2018. Il premio J. F Gonzalez alla carriera è andato a  David G. Barnett. Ecco le opere premiate in questa edizione:

Miglior romanzo: Full brutal di Kristopher Triana

full brutal premi splatterpunkKim White è una cheerleader veramente popolare. È bella, in salute e viene da una famiglia benestante. Ha tutto quello che una sedicenne dovrebbe volere. E non ne può più.

Cercando qualcosa che la strappi dai pensieri suicidi, decide con riluttanza di perdere la verginità, avendo sentito che è un evetnto che ti cambia la vita. Ma Kim non vuole farlo come tutti i suoi coetanei. Seduce uno dei suoi insegnanti, sperando di rovinargli la vita per divertimento. È il primo passo verso un rapido susseguirsi di atti di sadismo, che la porta a fare ogni sforzo per distruggere le vite di coloro che la circondano. Ma presto le semplici cattiverie non sono più abbastanza per mantenere l’eccitazione, e Kim si tuffa nel sabotaggio, nella violenza, persino nell’omicidio.

Quando scopre di essere incinta del suo insegnante, una nuova follia si impadronisce di lei e si rende conto che c’è solo una cosa che può soddisfare la fame del suo bambino.

 

Miglior romanzo breve: Kill for Satan di Bryan Smith

kill for satanLa notte della vigilia di Halloween, una messa nera viene celebrata nel profondo del bosco vicino ad una piccola città americana.Ai seguaci della fede oscura viene affidata una missione in un messaggio consegnato dal diavolo in persona. Durante Halloween, dovranno offrire un tributo di anime pure al loro oscuro padrone. Uccidendo delle vergini. Assieme ad Halloween inizia la maratona di 24 ore di film horror presentata dal conte Victor Von Gravemore sul canale 39. Saranno in molti a guardarla mentre il vero orrore invade le loro vite e le urla risuonano in tutta la città.

 

 

Miglior raccolta: DJStories di David J. Schow

Dj storiesC’era una volta uno scrittore chiamato David J Schow. Una delle sue specialità erano le storie di inquietudine, ansia, terrore incombente, disgusto vero e proprio, snervante spettralità, satira all’humor nero, perdite sconvolgenti, conte cruel, l’ironia del fato, e la seducente magia del sovrannaturale- in una parola, l’horror. Questo non significa affatto che fosse la sua  unica specialità. Scrisse racconti, poi romanzi, poi. per la TV, poi per il cinema, sia di finzione che  documentaristico. Vinse vari premi per questa attività, inclusi il World Fantasy Award, l’Internationa Horror Guild Award, il Twilight Zone Dimension Award, e il Rondo Hatton Classic Horror Award. Oggi, mentre leggi queste parole, svolge questa attività in maniera professionale da quarant’anni. Chiamalo moderno visionario, praticante del realismo magico nero, pungente autore satirico, splattepunk, comico caustico, un “Cormac McCarthy urbanizzato”(John Farris), “intelligente, feroce e con un’inventiva verbale sconvogente” (Peter Straub), un “pistolero letterario” (Richard Christian Matheson), “il Duca delle Tenebre” (Mick Garris), “profondamente sentito ma veramente agghiacciante” (Weird Tales), “con un enorme talento: innovativo, acuto e coraggioso” (Joe R. Lansdale),un “narratore dotato” (Robert Bloch), a “un camaleonte letterario delle metafore intelligenti” (T.E.D. Klein)… Hai capito, no? Come ha detto Michael Marshall Smith: Preparati ad essere trascinato in posti veramente oscuri, e ad amare ogni passo durante il viaggio. Come essere colpiti con un pugno in faccia da un poeta.” DjStories è il primo album di “grandi successi di Schow, e copre quattro decenni dei suoi sforzi per scuoterti, tenerti sveglio, pizzicare la tua sensibilità e atterrare la tua percezione. Trenta racconti —contali, trenta!— che coprono l’intero spettro di quello che potresti trovare spaventoso. Mostri. Amanti. Spiriti. Alleati. Assassini. Il folle e il troppo sano di mente. I morti, i viventi, e quello che c’è in mezzo. Persone inventate che potrebbero avere un impatto sulla tua vita reale. Questa storia non ha un lieto fine. Garantito

Miglior antologia: Splatterpunk Forever che contiene anche il miglior racconto, The Saecretor, di Ryan Harding

splatterpunk forever premio splatterpunkDagli editor di Splatterpunk Fighting Back, vincitori del premio Splatterpunk, un’antologia nuova di zecca. Problemi di matrimonio che esplodono nella violenza in una collezione di fenomeni da baraccone direttamente dall’inferno… Tre turisti americano ottengono qualcosa di diverso da quello che si aspettavano quando visitano un bordello messicano molto speciale… Quando lavori per i cartelli, gettare la spazzatura assume un significato completamente nuovo… Splatterpunk Forever ti offre 11 racconti inediti di horror estremo, con l’introduzione di Glenn Rolfe.